Angelo da Bagnoregio – Vescovo (Bagnoregio, Secc. XIV-XV).

Poche sono le no­tizie rintracciabili su A. Viene ricordato nel 1405 come canonico tra i benefattori del convento di S. Francesco di Bagnoregio. Nel 1409, all’indomani dell’elezione di papa Alessandro V, che preceden­temente era stato legato papale a Viterbo e forse aveva avuto modo di conoscere l’A., venne nomi­nato vescovo della cattedra di Bagnoregio che era al momento vacante. Già nell’anno successivo fu operativo nel pagamento del tributo dovuto alla Ca­mera Apostolica, mediante l’invio di due messi a Bologna, dove si trovava il pontefice. Le cronache locali ricordano in seguito il ruolo di moderatore assunto dall’A. in relazione alla contesa che nel 1412, portò gli abitanti di Bagnoregio a liberarsi dalle ingerenze dei Monaldeschi di Orvieto, so­prattutto riguardo il tentativo di assedio del castel­lo della Cervara, in mano orvietana, progetto al­quanto rischioso, scongiurato grazie alla predica­zione del vescovo. La sua esperienza episcopale do­vette essere comunque di breve durata se già nell’estate del 1414 viene menzionato il nome di un altro vescovo.

BIBL. – Quintarelli 1896, pp. 317-324; ABI, I, 52, pp. 73-79.

[Scheda di Fabio Pagano – Srsp]