Trenta, Emidio – Vescovo (Ascoli Piceno, 18 ott. 1860 – Viterbo, 24 genn. 1942)

Figlio di Antonio e di Luigia Valentini, era nato ad Ascoli Piceno il 18 ottobre 1860; compiuti gli studi nella sua città fu ordinato sacerdote il 19 maggio 1883. Laureatosi a Roma in diritto canonico, ritornato in Diocesi, insegnò nel locale Seminario Storia ecclesiastica, Sacra scrittura e Diritto canonico; nel 1889 diviene Cancelliere vescovile e l’anno successivo Canonico della cattedrale. Collabora alla pubblicazione del sinodo diocesano che si era svolto in Ascoli nel 1902. Fu eletto vescovo di Larino il 9 dicembre 1910 e trasferito a Viterbo il 17 luglio 1914 dove fece il suo ingresso il 7 marzo 1915. Assistente al Soglio pontificio dall’8 giugno 1933, fu creato arcivescovo a titolo personale il 2 marzo 1940. Commendatore dell’Ordine della Corona d’Italia dal 1926, dal 1936 fu Grand’ufficiale dello stesso Ordine. Fu tra i promotori della creazione del Seminario regionale poi intitolato a Pio IX a La Quercia per tutte le Diocesi dell’Alto Lazio e poi della creazione del Seminario minore interdiocesano per Viterbo-Tuscania nella sua nuova sede a Piazza S. Lorenzo. Convocò e diresse due sinodi diocesani, nel 1921 (Viterbiensis et tuscanensis dioecesana synodus habita Viterbii…diebus 22, 23, 24 a.D. 1921…, Sublaci, Typis Photo Coenobii 1921) e nel 1936 (Viterbiensis et Tuscanensis Dioecesana Synodus …habita Viterbi in Cathedrali Ecclesia S. Laurentii Lev. M. diebus 17, 18, 19 novembris A.D. 1936, Viterbii, Typis La Commerciale 1937) , dopo che erano passati 150 dallo svolgimento del sinodo precedente. Nel 1923 fu il promotore del Congresso eucaristico nazionale e nel 1933 sostenne la Celebrazione del settimo centenario della nascita di s. Rosa. Autore di numerosissime lettere pastorali indirizzate al clero e al popolo diocesano.

Restaurò il Palazzo vescovile e per due volte riuscì a condurre una Visita pastorale a tutta la Diocesi (1915-1916, 1937-1941). Nel 1936 fu nominato Abate di S. Martino al Cimino che da quel momento è definitivamente unita alla Diocesi di Viterbo-Tuscania. Muore a Viterbo il 24 gennaio 1942 ed è sepolto nella Cappella del Clero nel Cimitero comunale.

BIBL. e FONTI – Archivio storico dell’antica Diocesi di Viterbo-Tuscania,  Serie “Visite pastorali”, Visita pastorale di Emidio Trenta, 1915-1916 e 1937-1941.  HC, vol. IX, Patavii, 2002, p. 219-220, 394;  F. Pietrini, I vescovi e la diocesi di Viterbo, Viterbo 1949, p. 116-118; G. Signorelli, Viterbo nella storia della Chiesa, Vol. III, Parte seconda, Viterbo  1969, p. 540.

[Scheda di Luciano Osbat – Cersal]